Ihre Browserversion ist veraltet. Wir empfehlen, Ihren Browser auf die neueste Version zu aktualisieren.

Ultimo Aggiornamento

Horloge pour site Orologio per sito

BLOCCO

 

 

 
ORARIO ADESSO
Alletto Carmelo

 FUOCHI

Un uomo al supermercato non riesce a trovare la moglie e, rivolgendosi alla commessa dice: "Scusi, non trovo più mia moglie, non è che potrei fare due chiacchiere con lei?" "Certamente, ma perché?" "Perché tutte le volte che parlo con una bella ragazza lei esce dal nulla..."

http://melusugnu.wixsite.com/carmelo

 

CONTATTARE PER TELEFONO! GRAZIE

KONTAKT PER TELEFON! DANKE

 

 

Bambino trova il Vibratore della Madre

anche un toro può fare "cilecca"

A 37 settimane i movimenti nella pancia

 


 

Mustazzoli di Erice

Creato da: Staff Siciliafan  in Ricette 28 settembre 2013    0 1.074
 mustazzoli-di-EriceDa: I sogni di Paola 

Erice incanta per le sue meraviglie architettoniche, per la sua storia, per la sua posizione, per la sua cucina… per i suoi dolci! I mustazzoli sono una delle tipicità dolciarie di questo antico borgo che domina la città di Trapani. I mustazzoli venivano preparati nel convento delle monache di clausura le quali producevano questa delizia con un’antica e segreta ricetta. Quand’ero piccola e mi trovavo a Trapani, ricordo che mio padre faceva sempre in maniera di farci assaporare questa ed altre specialità locali. Ci vogliono i denti buoni e robusti per mangiare i mustazzoli però… basta immergerli in un bicchierino di vino liquoroso come lo zibibbo, passito, malvasia o buon marsala per ammorbidirli e gustarli pienamente con questi nettari che le buone vigne siciliane ci donano esaltando, ancora di più, i profumi della terra di Sicilia.


ingredienti usati
gr. 360 di farina di semola di grano duro
gr. 180 di farina 00
gr. 220 di zucchero semolato
ml. 150 di acqua
gr. 8 di ammoniaca per dolci
gr. 30 di mandorle non pelate
gr. 5 circa di cannella in polvere (1 cucchiaio raso)
gr. 3 circa di chiodi di garofano in polvere (½ cucchiaio raso)
1 limone piccolo

Si può variare leggermente la quantità degli aromi (cannella e chiodi di garofano) in base ai propri gusti. Però…

preparazione

Fai sciogliere lo zucchero e l’ammoniaca nell’acqua e lascia riposare per circa 2 ore.
 Tosta leggermente le mandorle, tritale finemente e mettile da parte. Per impastare ho utilizzato il mixer da cucina.Se non lo hai disponi la farina a fontana e segui le indicazioni.
 Setaccia le farine e unisci la cannella, i chiodi di garofano, la scorza grattugiata del limone e mescola bene per ottenere una buona miscela. Versa a filo lo sciroppo ottenuto precedentemente e impasta fino ad ottenere un composto che sia omogeneo e ben consistente. Mettilo in una ciotola, copri e lascia riposare circa 1 ora.
 Ricava dei “salsicciotti” dallo spessore di circa 2 cm. tagliandoli in tocchetti di circa 8-10 cm. Schiacciali leggermente e con la lama liscia di un coltello incidi sopra delle linee in due versi obliqui in modo di ottenere dei piccoli rombi. Disponi i biscotti nella teglia foderata di carta forno a distanza di circa 4 cm. uno dall’altro. Inforna in forno statico a 200° per circa 10 minuti e comunque fino a cottura e doratura dei biscotti. A cottura ultimata esci la teglia dal forno che spegnerai e, dopo circa 5 minuti, rimetti nuovamente la teglia dentro il forno per qualche minuto.

 

http://www.youtube.com/user/carmeloalfa

LASCIATE UN COMMENTO NON É OBLIGATORIO.

Kommentar Verfassen ist nicht obligatorisch.

Durch * gekennzeichnete Felder sind erforderlich.

Il principe poeta.


C'era una volta un principe che si vantava di essere un grande poeta.
Alcuni ipocriti lo elogiarono al punto che finì per convincersi di essere il principe dei poeti.
Un giorno, al termine della lettura di una delle sue poesie, Giufà rimase in silenzio mentre i soliti
laudatori cominciarono a disquisire sull'efficacia di un certo genere retorico o sullo stile del verso. Il
principe allora chiese a Giufà:
- Forse la mia poesia non ti piace?... Non ti sembra eloquente?
Giufà rispose:
- Non ha neanche un'infarinatura d'eloquenza!
Gli ipocriti levandosi indignati indussero il principe a gettarlo in prigione. Così Giufà restò in galera
per un mese intero.
In un'altra occasione il principe recitò una nuova poesia. Giufà era tra i presenti: terminata la
lettura tentò di andarsene alla chetichella, ma il principe lo sorprese e gli disse:
- Ehi tu, dove vai?
Giufà serafico rispose:
- In prigione, sire!

L'UOMO & LA DONNAL'UOMO & LA DONNALe 7 Verità:


L'uomo scoprì i colori e inventò la pittura,
la Donna scoprì la pittura ed inventò il trucco
L'uomo scoprì le armi e inventò la caccia,
la Donna scoprì la caccia e inventò le pellicce
L'uomo scoprì l'agricoltura e inventò il cibo,
la Donna scoprì il cibo e inventò la dieta
L'uomo scoprì la parola e inventò la conversazione,
la Donna scoprì la conversazione e inventò il gossip
L'uomo scoprì l'amicizia e inventò l'amore,
la Donna scoprì l'amore e inventò il matrimonio
L'uomo scoprì la Donna e inventò il sesso,
la Donna scoprì il sesso e inventò il mal di testa
L'uomo scoprì il commercio e inventò il denaro,
la Donna scoprì il denaro eee... beh, da allora non funziona più niente.